Amalienborg Palace it

Palazzo di Amalienborg

Puoi vederlo su:

amalienborg

Descrizione

Il palazzo di Amalienborg è l’abitazione della famiglia reale danese e comprende quattro palazzi, le cui facciate circondano una piazza ottagonale. È il posto in cui andare se volete ammirare il cambio della guardia a mezzogiorno ogni giorno.

Inizialmente fu costruito per delle famiglie nobili, ma quando il palazzo di Christiansborg prese fuoco nel 1794, Amalienborg divenne la residenza reale ufficiale. È stato la casa di vari re e delle loro famiglie, ed è così che ogni palazzo prese il nome dei diversi re che vi dimorarono.

I quattro palazzi presero il nome di Christian VII, Christian VIII, Christian IX e Federico VIII. Tuttavia, solo i palazzi di Christian VII e Christian VIII sono attualmente aperti.

Il palazzo di Christian VII è anche noto come palazzo di Moltke, e fu originariamente costruito per Lord High Steward Adam Gottlob Moltke. È il palazzo a sud-ovest, e dal 1885 è utilizzato per ospitare ed intrattenere ospiti importanti, per ricezioni e per scopi cerimoniali.

Il palazzo di Christian VIII è anche conosciuto come palazzo di Levetzau, e fu in origine costruito per il consigliere privato del re Conte Christian Frederik Levetzau tra il 1750 e il 1760. È il palazzo a nord-ovest ed è stato la casa del principe Federico fino al 2004, anno del suo matrimonio con la principessa Mary.

Il palazzo di Federico VIII è conosciuto anche come palazzo di Brockdorff. È il palazzo a nord-est ed fu la residenza della regina Ingrid fino alla sua morte nel 2000. È stato rinnovato di recente ed è casa del principe Federico e della principessa Mary.

Il palazzo di Christian IX è il palazzo a sud-est ed è anche noto come palazzo di Schack. È l’abitazione della coppia reale dal 1967.

I lavori di costruzione furono iniziati da Eigtved nel 1750, e furono supervisionati prima dall’architetto Christian Josef Zuber e poi da Philip de Lange.

La statua equestre al centro della piazza rappresenta il re Federico V e fu svelata nel 1771, cinque anni dopo la sua morte.

 

Puoi vederlo su: